Ecco cosa fare per non sprecare l’acqua


In periodo di siccità e non solo, è fondamentale un uso razionale ed efficiente della risorsa idrica.

Bisogna risparmiare acqua nei settori produttivi; è fondamentale rendere efficienti le tecniche irrigue utilizzando quelle a maggiore efficienza e puntare su ricerca e innovazione tecnologica per favorire il riuso delle acque trattate.

Non sprecare l’acqua è però impegno da seguire anche a livello individuale e residenziale.

Ecco alcuni consigli per non sprecare l’acqua:

-       Mantenere efficiente l’impianto idrico e verificare la presenza di perdite occulte

-       Chiudere bene il rubinetto per evitare che l’acqua scorra inutilmente. Ad esempio mentre ci stiamo lavando le mani; ancora, chiudere il rubinetto durante la rasatura consente un risparmio fino a 20 litri.

-       Raccogliere l’acqua fredda non utilizzata quando si attende di ricevere quella calda; effettuare prima le operazioni che richiedono acqua fredda (ad esempio per lavarsi i denti) e poi quelle che richiedono acqua calda (ad esempio per farsi la barba).

-       Stesso consiglio in cucina, per le operazioni di preparazione degli alimenti o il lavaggio della verdura usare le bacinelle anziché l’acqua corrente.

-       Riutilizzare l’acqua di cottura della pasta o del lavaggio delle verdure per sciacquare i piatti prima di metterli in lavastoviglie o per annaffiare (quando non è salata).

-       Utilizzare lavastoviglie e lavatrici sempre a pieno carico, preferire inoltre programmi di lavaggio a temperature non elevate (40-60° C).

-       Scegliere la doccia invece che la vasca da bagno e chiudere il rubinetto quando ci si insapona.

-       Chiudere l’impianto centrale in caso di periodi prolungati di mancato utilizzo (ad esempio, quando si parte per le vacanze).

-       Coprire la superficie delle piscine con teli per evitare l’evaporazione.

-       Recuperare l’acqua di condensa dei condizionatori o dell’asciugatrice, per usi domestici, come ad esempio per il ferro da stiro.

-       In giardino, attorno alle piante, effettuare un’adeguata pacciamatura in modo da mantenere il più possibile l’acqua nel terreno; inoltre preferire piante che necessitano di minori quantità di acqua e fare attenzione a non irrigare zone impermeabili.

Condividi l'articoloShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on Facebook